AL BAR NON SOLO DI PASSAGGIO (2)

Come l’intrattenimento può diventare la chiave di volta per trasformare il bar da area di transito a piacevole luogo d’incontro e di divertimento.

 

Nella terminologia del marketing, come abbiamo accennato nell’intervento precedente, la segmentazione prevede una differenziazione della popolazione in cluster, cioè in gruppi di consumatori omogenei per comportamento e stile di vita. In precedenza erano le variabili socio-economiche (età, sesso, località di residenza, scolarità, livello di reddito, etc.) a orientare gli studi sui comportamenti di acquisto, mentre, ora, si preferisce indagare le azioni reali che sovente prescindono dalla classe sociale o dal luogo in cui si vive, per venire determinate da un particolare modo di essere dell’individuo. Questo anche grazie ad un’omogeneizzazione degli atteggiamenti dovuta in massima parte a quel fenomeno spesso indicato con il termine di “globalizzazione”. Per tornare a noi, in una popolazione crescente e con una ricchezza pro-capite anch’essa in ascesa, è importante offrire a segmenti di popolazione specifica il tipo di “prodotto” che più si adatta alle loro esigenze. Nel nostro caso il bar può trovare caratterizzazioni che, pur selezionando la clientela, donano all’esercizio un’identità precisa e facilmente riconoscibile.

 

 

Wine Bar

specializzati in offerta di vini. Si differenziano dalle enoteche per una maggiore cura del particolare (i calici sono specifici per i vari tipi di vino, l’arredamento è più vicino alla discoteca che alla trattoria, gli stuzzichini sono più ricercati dei salumi e formaggi dop) e per una gestione della clientela più accorta. Offrono anche cocktail o altre bevande superalcoliche. La musica di sottofondo è di tendenza e l’ambiente accogliente. E’ spesso presente un’offerta di oggettistica legata alla cultura enologica.

Young Bar

riservato a una clientela decisamente giovane. Offerta di giochi elettronici, possibilità di acquistare prodotti trendy, grandi schermi con i video più recenti dei divi internazionali della musica. Ricco assortimento di birre e bevande dai sapori meticci. Relativa attenzione all’arredamento e prezzi contenuti.

Outlet Caffé

spazio dedicato alla ristorazione veloce all’interno di negozi deputati alla vendita di capi d’abbigliamento. Nei locali griffati, si tende a dare anche nella definizione delle aree di ristoro e di relax la stessa immagine dell’azienda, offrendo, accanto ai prodotti standard (cocktail, champagne, prosecco, vini pregiati) una serie di creazioni originali legate al vissuto del brand.

Cigar Bar

in un momento in cui fumare nei locali pubblici è proibito, questa tipologia di esercizio può incontrare notevole gradimento. E’ necessaria una speciale autorizzazione che qualifichi il locale come club, la cui entrata è riservata ai soli soci in possesso della tessera specifica. Tendenzialmente non sono graditi i fumatori di sigarette. Accanto a una notevole offerta di sigari di ogni parte del mondo, conservati in specifiche zone climatizzate, vini da meditazione (cherry, porto, madera), selezionate marche di superalcolici tendenzialmente invecchiati (brandy, cognac, whiskey, bourbon), cocktail. Arredamento da confortevole casa di campagna, luci moderate e poltrone e divani a volontà.

Caffé Letterario

ambiente accogliente, poltroncine e divani al posto delle sedie, presenza di giornali, volumi e riviste letterarie specializzate, musica jazz o classica, giochi da tavolo (backgammon, scacchi, dama cinese, etc.), luci soffuse intense negli angoli di lettura. L’offerta di prodotti parte dalle tisane ai tea (diversi aromi e da diversi luoghi), bevande alcoliche, cocktail, pasticcini e dolcetti per il pomeriggio, stuzzichini per la sera. In serate specifiche incontri con autori o personaggi della cultura (critici, artisti, etc.) e piccoli spettacoli musicali (soprattutto jazz).

 

 

Il breve e incompleto elenco segnala solo alcune delle opportunità di caratterizzazione utili a personalizzare l’immagine di un bar. L’importante è scegliere quella più aderente al genere di clientela che frequenta il vostro locale per offrire un prodotto, come direbbero gli inglesi, tailor made, cioè fatto proprio su misura.

 

                                                                                                                        SAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *