Crisi? Allora il caffè è gratis.

Per reagire al perdurare dello stato di crisi economica che ha ridotto in maniera enorme i consumi fuori casa degli italiani una giovane imprenditrice trevigiana è riuscita ad inventarsi un’iniziativa molto particolare che, siamo sicuri, verrà ricordata a lungo, almeno dai suoi vecchi (e nuovi) clienti.

Che in questo particolare momento storico, ma soprattutto  economico, la quotidiana tazzina di caffè al bar, simbolo insieme a spaghetti e pizza del Belpaese sia diventata quasi un lusso è cosa alquanto opinabile, ma che i nostri connazionali abbiano cominciato a ridurne il consumo, optando magari per la più economica moka o per la cialda in ufficio è un dato di fatto.  E se la crisi è riuscita a cambiare quella, che più che un’abitudine è un vero e proprio modo di essere italiani, ha, almeno questo, fatto capire che per sbarcare il lunario si deve essere molto flessibili e ha fatto si che molti imprenditori nostrani “aguzzassero” l’ingegno. E allora c’è chi come a Verona, a Genova, a Roma ma anche in altre parti della penisola, ha cominciato a proporre la classica tazzina di caffè espresso a 50 centesimi,  o ha pensato di proporre il classico abbinamento caffè e cornetto o cappuccino e cornetto inserito nell’ambito di particolari promozioni che consentono ai clienti, solo per citarne qualcuna, di avere dopo cinque “abbinamenti”, il caffè o il cornetto gratis. Ma le ricette anticrisi degli imprenditori di casa nostra non si ferma qui, e c’è chi è riuscito a fare ancora di meglio. E’ il caso della ventenne Luana Meneghetti neo proprietaria del bar “La Piazzetta” ” in viale Caccianiga, a Maserada che si è inventata il “caffè anticrisi”! In pratica la giovane imprenditrice trevigiana, per tutto il mese di giugno, dalle 7 alle 9 del mattino, dal lunedi al venerdi ha deciso di offrire il caffè a tutti i clienti del locale. Convinta e decisa è sembrata la giovane: ”Penso soprattutto a coloro che non possono permettersi di spendere nemmeno un euro per il caffè: l’iniziativa è rivolta anzitutto a loro, e poi in generale a tutti i nostri clienti – dice – ho iniziato l’avventura del bar anche se non sono certo tempi buoni per imbarcarsi in attività del genere. Se non c’è lavoro, bisogna inventarselo”. E così tutti quelli che nel mese di giugno prenderanno un caffè al bar La Piazzetta di Maserada potranno evitare di mettere mano al portafogli.

L’iniziativa è stata pubblicizzata, tra lo stupore dei clienti più affezionati con piccoli cartelli all’interno del locale, ma è certo che durante il mese di giugno il classico passaparola farà accorrere frotte di avventori per gustare e godere, magari anche solo per una volta, di questo “caffè anticrisi”, e magari molti di loro apprezzando l’iniziativa cominceranno a frequentare La Piazzetta sempre con maggiore assiduità.

Mah, che dire? Forse si tratta di un atto di una giovane imprenditrice inesperta e dotata di sani principi morali, forse è  l’intuizione di una che sa il fatto suo, ciò che è certo è che ha suscitato molto scalpore e fa molto, molto riflettere.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *