Diageo Reserve World Class 2017

Manca poco più di un mese alla finale mondiale della Diageo Reserve World Class la prestigioDiageo Reserve World Classsa competizione internazionale organizzata da Diageo Reserve, giunta alla sua nona edizione che celebra l’arte della mixology e che mette in scena il più autorevole palcoscenico del settore dei luxury spirits, mediante la selezione di Top-bartender in oltre 50 paesi nel mondo. Fin dal suo lancio nel 2009, la Diageo Reserve World Class è stata strumentale nella trasformazione e nel miglioramento della cultura del bere nel mondo. Ha sostenuto, educato e ispirato oltre 250.000 baristi facendo loro da guida attraverso partnership con i migliori guru del settore beverage, editori, opinion leader e personalità di spicco del mondo lifestyle. Diageo Reserve World Class riunisce i migliori talenti di bartending da tutto il mondo e incoronerà il migliore. Diageo Reserve World Class è ormai diventato un evento di riferimento per il settore dove nascono le nuove tendenze della mixology e dove l’arte del bartending viene elevata. Ma Diageo Reserve World Class non è solo una cocktail competition, perché ha alla base un eccezionale programma di formazione globale che investe nella abilità del bartender e fornisce una piattaforma internazionale per scoprire e mostrare i migliori talenti in circolazione. A rappresentare l’Italia nella finale di Città del Messico dal 20 al 25 agosto prossimi sarà Mirco Turconi del Piano35 di Torino. Turconi ha trionfato nella finale di maggio che si è svolta al Teatro Quirinetta di Roma che ha visto sfidarsi gli 8 migliori bartender provenienti da tutta Italia selezionati dagli esperti Diageo dopo accurate ricerche e training iniziati a settembre 2016. I bartender si sono confrontati con i prodotti Diageo Reserve, una selezione che comprende il gin Tanqueray No. TEN, il whisky Mirko Turconisingle malt Talisker, Bulleit Bourbon, la vodka Ketel One, il rum Zacapa e il tequila Don Julio. Turconi si è laureato campione affrontando in maniera estremamente brillante le prove di creatività e tecnica che hanno messo in luce tutta la sua abilità dietro al bancone. Tre le prove fondamentali: “Fast&curious”, nella quale i concorrenti avevano a disposizione 8 minuti per preparare 8 cocktail classici per dimostrare la propria conoscenza della tradizione e delle ricette codificate, “Fight for the future” nella quale era richiesta la creazione di un twist per il Margarita del futuro con tequila Don Julio che esprimesse la loro creatività e visione delle tecniche più innovative nel mondo del bartending. Per finire “The box of secrets”, uno scrigno segreto al quale solo i tre migliori classificati della giornata hanno avuto accesso, venendo a conoscenza del contenuto solo al momento dell’apertura avvenuta in presenza della giuria. Appuntamento a fine agosto a Città del Messico per scoprire chi sarà il bartender ad aggiudicarsi il titolo di Diageo Reserve World Class Bartender of the Year 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *