Gift Card

Carte Regalo, Gift Card, Gift Voucher: un nuovo e utilissimo strumento per acquisire clientela che altrimenti andrebbe altrove.

                                                                                 

Tonisorr

 

Ormai sono un po’ di anni che lo strumento Gift Card si sta affermando sul panorama internazionale mentre in Italia, sebbene ormai ci siano tantissimi esempi, ancora non si è sviluppato particolarmente. E’ un peccato perché la Gift Card o la Carta Regalo per dirla all’italiana, di sicuro può considerarsi lo strumento per eccellenza in grado di invogliare il cliente a provare quel ristorante o quell’albergo che il più delle volte non era nemmeno conosciuto. La Gift Card, infatti, viene regalata il più delle volte da qualcuno che ha già provato la struttura e desidera condividere con amici e parenti un bel momento vissuto da qualche parte.

Ma che cos’è una Gift Card? Di cosa si tratta? La Gift card o Carta Regalo è una carta, in gergo cosiddetta “privativa”, che viene emessa da una società che possiede una serie di strutture o da un insieme di strutture unite tra di loro da un brand ricaricata alla fonte con un determinato valore, che può essere utilizzata, o meglio spesa, esclusivamente nella struttura che l’ha emessa, nel primo caso, o in una delle strutture collegate/convenzionate, nel secondo caso.

Il cliente che la riceve ha, tra le mani, qualcosa di molto simile a quello che un tempo chiamavamo “buono acquisto” con la differenza, però, che le Gift Card di oggi sono di plastica, hanno un codice a barre o una banda magnetica sul retro che le identifica unicamente e le rende più sicuro e, inoltre, possono essere spese, alla pari di una carta di credito prepagata, anche parzialmente cosa che invece non era possibile accadeva in passato con i buoni d’acquisto cartacei. Tutto ciò grazie alle nuove tecnologie.

Ci sono innumerevoli vantaggi nel dotarsi di un sistema che consenta l’emissione e la gestione di Gift Card. Innanzitutto la struttura può sviluppare un nuovo canale commerciale per veicolare i propri prodotti ed il proprio brand: una carta regalo, infatti, può essere venduta ovunque, tramite aziende che si occupano di B2B, di eventi, di gadget ecc. Ci sono oggi, addirittura aziende specializzate, che veicolano attraverso display dedicati interi set di Gift Card su supermercati e negozi di elettronica di consumo.

La possibilità di trovare nuovi clienti, però, è solo uno dei vantaggi offerti dalle Gift Card.

Lo dice la stessa parola. La carta viene usata soprattutto come regalo per cui le occasioni di acquisto sono le più disparate. In circolazione si trovano carte vendute con uno sconto alla fonte già del 15/20% per cui il consumatore è molto spinto ad effettuare l’acquisto anche quando magari non ne sarebbe intenzionato. Acquisto di impulso, dunque, ma anche fatturato immediato che viene trasferito nelle casse della struttura che le emette.

La Gift Card, infatti, viene spesa in media tra il 60esimo ed il 120esimo giorno successivo alla data di acquisto. Ciò significa che la struttura stessa ha un flusso di cassa positivo perché  l’importo della Gift Card viene incassato subito mentre il servizio viene reso solo dopo un lasso di tempo molto lungo.

Se poi consideriamo che un buon 20% di chi compra la Gift, pensiamo ai “regali non graditi”, non la utilizzerà mai, il dado è tratto. L’importo incassato si trasforma in una vera e propria sopravvenienza attiva per l’emettitore, una sorta di puro utile netto. Gli americani, praticamente inventori di questo sistema utile a scovare nuova clientela e nuove fonti di guadagno, da oltre venti anni affermano che le Gift Card sono lo strumento commerciale che più di ogni altro consente a chi le emette di spendere un dollaro e di guadagnare 20 volte il valore investito.

Ma cosa occorre per dotarsi di un sistema per l’emissione di Gift Card e soprattutto di gestirle al meglio?

Sicuramente il primo consiglio è non fare le cose in casa.

Sono in molti a cascarci e a pensare che gestire una Gift Card sia semplice, che basti un programmatore, un database e un pezzo di carta o di plastica per fare le cose al meglio. Attenzione a chi vi consiglia, infatti, perché la Gift Card è praticamente un assegno al portatore e quindi occorre porre la massima attenzione alla sicurezza dei sistemi informatici con cui questi strumenti vengono realizzati e gestiti. Ci sono società specializzate, che fanno questo di mestiere e vi possono supportare per l’intero progetto dalla stampa delle carte all’integrazione con i sistemi contabili. Si, è vero, magari i costi iniziali sono un po’ alti ma si recuperano in brevissimo tempo, e sicuramente i problemi futuri si riducono fortemente.

Occorre, poi, affidare ad una persona interna il compito di gestire questo strumento da un punto di vista commerciale e marketing. L’errore più grave che spesso le aziende commettono è lanciare sul mercato la propria Gift Card solo perché oggi “va di moda” e poi non promuovere il prodotto (si, si tratta di un vero e proprio prodotto!!!) con opportune campagne di comunicazione, di cross selling sia all’interno della struttura che fuori. E’ necessario, inoltre, circondarsi di Partner affidabili che si curino della distribuzione delle carte. La parte commerciale, infatti, è la leva che determina il successo o meno di un’iniziativa nel mondo delle gift card. Pertanto, non affidatevi al caso e affrettatevi a lanciare la vostra Gift Card perché nuovi “sconosciuti e inaspettati” clienti vi aspettano.  

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *