I giovani italiani sono grandi bevitori

Gli italiani si sa sono un popolo che mette a dura prova le statistiche, tutto quello che  può valere per un italiano nel bene e nel male  di qualsiasi età e sesso il più delle volte, non trova riscontro al di fuori dei limiti nazionali. Questa volta a sovvertire le statistiche sono i giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni  nei loro consumi di bevande, alcoliche e non. Il dato univoco è che tutti i ragazzi europei iniziano a consumare alcol dai quindici anni in su, se non addirittura prima, ma con modi e abitudini diversificate. Gli spagnoli sono diventati famosi per il rito del “bottiglion” modalità ritenuta economica e “giustificata” dall’ abitudine di bere in strada tutta la notte, miscelando vari superalcolici comprati nei supermercati a basso prezzo in grandi bottiglie di plastica. I tedeschi e gli anglosassoni per tradizione culturale sono legati al grande consumo di birra nei pub fin dalle prime ore del pomeriggio snobbando drink e cocktails di ogni genere. E’ proprio  in questo panorama diversificato che gli italiani si distinguono maggiormente  nel loro approccio al consumo di alcolici. Il  bar immagine tutta nostrana rappresenta il luogo addetto al consumo preferito di bevande a base di alcol. Nella fattispecie gli  adolescenti italiani si riscoprono grandi consumatori di birre,  bevono più birra che vino, in quanto la birra è più economica e appare come una bevanda moderna, capace di simboleggiare al meglio l’immagine giovanile. Circa il 64%  oltre i quindici anni di età beve birra, questa crescita dei consumi avviene in controtendenza rispetto a quanto accade nel resto d’Europa dove il divario dei consumi nei confronti dei paesi storicamente consumatori di birra si sta pian piano accentuando. Aumenta  l’incidenza delle birre di fascia alta premium/speciali estere e nazionali nei fusti e alla spina a testimonianza di un interesse diffuso verso un consumo di qualità. Mantengono il banco i marchi imbottigliati più diffusi anche grazie alle grandi campagne promozionali che li sostengono. Storia ben diversa per i superalcolici, che negli ultimi anni hanno sofferto della generale tendenza dei consumatori a ridurne l’assunzione, difatti ci sono andamenti alterni tra le diverse tipologie di prodotti che ne compongono il variegato universo. Resistono bene i consumi di rum, positivi risultati  sono ottenuti da vodka neutra e gin, in netto calo da molti anni la  richiesta di vodka aromatizzata.  Diffusissimo inoltre tra i giovani il consumo di shot superalcolici da bere in un solo colpo, rum e pera,  il drago verde e l’ intramontabile tequila. Altra tendenza tutta italiana dei giovanissimi è quella di consumare prodotti con una forte caratterizzazione territoriale, come amari di diversa provenienza geografica, limoncello e mirto, solo per citarne alcuni. Quasi assenti tra i giovanissimi i consumi di whisky, grappe e brandy.

Con l’arrivo del periodo estivo aumenta poi in maniera esponenziale la richiesta dei cocktails leggeri e freschi. Tra le varie ricette di frutta, sciroppi, liquori e ghiaccio, in estate la parte del leone la fanno i pestati, cioè i cocktails preparati in bicchieri tumbler o a coppa, a base di distillati come la cachaça brasiliana, la vodka, il rhum. Tra i più famosi ricordiamo  Moijto, Cuba Libre, Caipirinha, Caipiroska e Daiquiri  magari preparati da un bar tender molto coreografico. In costante crescita è poi il consumo degli energy drink, il più delle volte utilizzati per la preparazione di cocktail “rigeneranti” e dal gusto più dolce e bevande gassate a ridotto contenuto calorico.

L’Italia inoltre è anche il paese in cui si ha il maggior consumo di acqua in bottiglia del mondo con una media di quasi 190 litri a testa, il 65% della quale è commercializzata in bottiglie di plastica. Che dire? Gli Italiani sono dei grandi bevitori e non solo di bevande alcoliche!

 

 

                                                            Geremia De Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *