77.109 operatori a Sapore Taxting Experience +7 per cento nell’affluenza estera

SAPORE 2012

Rimini, 29 febbraio 2012 – SAPORE Tasting Experience ad inizio anno conferma la sua capacità di essere piazza di incontri d’affari per le aziende, il trade e tutte le forme di ristorazione ‘fuori casa’.

 

Ieri si è chiusa l’edizione 2012 e si è confermato il ruolo che l’esposizione riminese ha conquistato: è l’unico grande appuntamento che anticipa e soddisfa la dinamica e variegata domanda dei consumi alimentari extradomestici.

 

A SAPORE 2012 sono intervenuti 77.109 (-3% sul 2011) visitatori professionali. Oltre alla conferma dei numeri generali, c’è fra gli operatori la grande soddisfazione per il risultato dei visitatori esteri, cresciuti del 7% sul 2011, con quasi 5.000 business meeting organizzati dal market place di Rimini Fiera, oltre alle aspettative della vigilia.

Sul fronte dell’internazionalità, il progetto Top Buyer dai 5 continenti ha garantito importanti volumi di affari tra le aziende italiane del food&beverage, creando ulteriori opportunità di esportazione del made in Italy verso Medio ed Estremo Oriente, i Paesi del Mediterraneo ed Europa, con incrementi rilevanti anche verso la Russia.

 

Il salone SAPORE è stato inaugurato lo scorso 25 febbraio da Maurizio Melucci, Assessore al Turismo della Regione Emilia Romagna, alla presenza di Habeeb Ali Al-Sadr, Ambasciatore Iraq presso la Santa Sede, del sindaco di Rimini Andrea Gnassi e dell’Assessore alle politiche economiche della Provincia di Rimini Juri Magrini.

In mostra prodotti per il catering, prodotti surgelati, seafood, specialità regionali italiane ed estere, pasta fresca, olio extravergine di oliva, bevande, birre speciali e artigianali, vini, spumanti e champagne.

 

“SAPORE– commenta Lorenzo Cagnoni, presidente di Rimini Fiera – conferma la sua aderenza alle necessità del mercato, sempre innovativo e dinamico. SAPORE è il punto di riferimento per il business delle aziende e degli operatori dell’alimentare extradomestico. Parliamo di un settore che vale un fatturato di oltre 70 miliardi di euro”.

 

“La conferma di SAPORE, salone privilegiato dell’horeca alimentare con l’orizzonte su nuove tendenze e format di consumo – commenta Patrizia Cecchi, direttore business unit Rimini Fiera – ha consentito una panoramica completa sui prodotti e sulle aziende. Al fianco dei consolidati settori del catering, surgelati e ittico, in crescita il mondo del beverage, che al fianco delle aziende dei prodotti industriali vede la presenza del variegato mondo della produzione artigianale di birra. Eccellente anche l’ampliamento e l’offerta riferita alla nuova sezione Cooking Pasta”.

 

LE CONFERME DI SVILUPPO DI SAPORE TASTING EXPERIENCE

Il confronto con gli operatori, le relazioni con le imprese e le associazioni, la conoscenza radicata del settore delineano le traiettorie di sviluppo della manifestazione. Nel 2013 saranno presentate sempre più numerose iniziative informative di servizio e di accoglienza dedicate al trade; crescenti investimenti nell’area dell’internazionalizzazione; focus sulla ristorazione di successo e progetti per il mondo dei professionisti all’insegna della formazione e della competizione. L’area espositiva sarà arricchita da numerosi show-cooking, eventi dimostrativi di una cucina quotidiana che soddisfa pienamente gli operatori del settore in un’occasione di dialogo e di confronto, così da gratificare il cliente finale.

 

I GRANDI EVENTI DI SAPORE 2012

La giornata inaugurale di SAPORE 2012 ha proposto l’assegnazione Sapore Innovation Award, premi destinati ai prodotti più innovativi presentati dalle aziende in fiera e giudicati da una giuria tecnica di chef, giornalisti e gestori di pubblici esercizi.

I vincitori: CANALE RISTORAZIONE Delizie formaggio e funghi di CGM, CANALE GDO Cipolle in agrodolce di Campo d’Oro, CANALE RISTORAZIONE COLLETTIVA Frullato di frutta natura bio di Natura Nuova, CANALE BAR Perle di mandorle al moscato dell’azienda Alfio Neri, FRIGUS INNOVATION AWARD Peperoncino piccante a cubetti surgelato di Orogel. Menzioni per il Packaging più innovativo a Wine in Tube di Beresano, per la Tecnologia all’azienda francese Press Art di W8Com, mentre il Premio della critica è andato all’israeliana El Viento Margarita di El Viento ltd.

Anche i visitatori di SAPORE hanno potuto votare tramite cartoline e il prodotto più apprezzato dalla ‘giuria popolare è stato assegnato al Birrificio La Superba con il prodotto Birra Genova, una birra lager, con aggiunta di basilico fresco della Riviera Ligure, che vuole ricordare in ogni momento le meraviglie della città cui è dedicata.

 

A SAPORE consueta fotografia del food&beverage extradomestico scattata da FIPE Confcommercio attraverso una ricerca realizzata dal proprio Centro Studi e presentata il 25 febbraio alla presenza del Vicepresidente nazionale Alfredo Zini. Secondo FIPE, gli italiani mangiano sempre meno. Sia per gli oltre 15 milioni che si nutrono fuori casa (12 milioni a pranzo e 3,5 a cena), sia per chi lo fa in casa il piatto è più vuoto. Ma nel ridurre la spesa alimentare di oltre sette miliardi di euro per i pasti in casa e di oltre un miliardo per quelli fuori casa negli ultimi cinque anni, gli italiani hanno però fatto attenzione ad eliminare il superfluo, limitando così gli sprechi e orientando di nuovo la scelta sui prodotti tradizionali. La crisi sta dunque consolidando un comportamento già in atto da tempo dovuto anche a nuovi stili di vita: primi piatti e contorni vengono preferiti ai secondi, aumenta il consumo di spuntini e merendine e in tutto si spendono circa 5 euro a testa al giorno per mangiare in casa.

 

Il GDO BUYERS’ DAY quest’anno ha misurato con una ricerca ad hoc il fenomeno AYCE, All You Can Eat, il ‘tanto per poco’, oppure… ‘mangia quanto vuoi a prezzo fisso’. La ricerca condotta da Smart Research, coordinata dal Prof Daniele Tirelli, presidente di POPAI Italia, in collaborazione con Rimini Fiera, ha rilevato che il 48% degli Italiani trova (in barba alla dieta) la formula All You Can Eat coerente con il proprio modo di intendere l’alimentazione. L’88% di coloro che hanno fatto l’esperienza AYCE è stato soddisfatto della qualità offerta. Il 95% ha trovato il conto conveniente o molto conveniente. La ricerca completa è disponibile sul sito www.saporerimini.it

 

A SAPORE 2012 c’è stato il debutto del Concorso 1° Sapore Grand Prix – International Chef Contest, con protagonisti chef alle prese con i prodotti per il foodservice, prodotti di quarta e quinta gamma, anche surgelati. Il tema della prima edizione è infatti: Food industry e ristorazione. Obiettivo di Sapore Grand Prix è stato quello di promuovere la conoscenza e le applicazioni dei vari prodotti nella ristorazione fuori casa e di valorizzarli come alleati dei professionisti in cucina.

Questi i vincitori. Categoria STUDENT (studenti degli istituti alberghieri): Martina Bono e Anna Gerbaldo dell’Istituto Mucci di Bra (CN); Categoria JUNIORES (junior chef da fine ciclo scolastico fino a 25 anni): Giovanni Maniàci di Bellaria; Categoria PROFESSIONALS (professionisti over 26): Michele Cocchi di Bologna. Premio degli chef al miglior prodotto foodservice: Passata di pomodoro Cirio Alta Cucina La Rustica di Conserve Italia.

 

A SAPORE 2012 protagoniste anche le Lady Chef, con otto protagoniste del 1° Concorso Rummo – Una grande pasta per una grande donna, realizzato in collaborazione con la FIC (Federazione Italiana Cuochi). Le chef  hanno dedicato il piatto creato a otto colonne portanti dell’universo femminile: Maria Montessori, Anita Garibaldi, Vittoria Aganoor Pompilj, Madre Teresa di Calcutta, Matilde di Canossa, Giulia Falletti di Barolo, Giovanna Guadagnini Bernardi e Laura Pausini. Il fusillotto d’oro è andato alla messinese Rosaria Fiorentino. Il fusillotto d’argento se l’è guadagnato Alessandra Baruzzi da Foggia mentre di bronzo è stato assegnato alla potentina Daniela Moscarelli.

 

Grandi apprezzamenti per Pasta Master, la competizione in cui alcuni tra i più quotati pastai italiani si sono sfidati e hanno dato libero sfogo alla loro creatività. Fra i 6 finalisti, selezionati da una giuria qualificata presieduta dal manager chef Raimondo Mendolia, presidente di European Chef Academy, ha prevalso il sardo Paolo Serra che ha creato un culurgiones (pasta tipica sarda) che è stato apprezzato per come è stato eseguito: a regola d’arte. Secondo classificato il milanese Paolo Viarengo, terzo il torinese Lorenzo Bossina. In giuria anche Nunzio Rimando, presidente della neonata Confraternita dei Mastri Pastai, presentata in anteprima alla finalissima.

 

SAPORE è vetrina fondamentale per la presentazione di nuovi prodotti e nell’ambito dell’incontro con il giornalista RAI Bruno Gambacorta e col suo libro Eat Parade, il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP, il più importante marchio Dop del centro sud Italia, ha allestito una degustazione.

 

L’area Selezione Birra di SAPORE 2012 ha visto, a cura di Unionbirrai, l’assegnazione del riconoscimento al Birrificio Italiano di miglior birrificio dell’anno. Nell’ambito della giornata si sono svolte anche le premiazioni delle migliori birre artitigianali del 2012 suddivise in varie categorie. Tutte le classifiche sono disponibili sul comunicato stampa n.25.

 

Al concorso MO.BI., il campionato Homebrewing, il titolo italiano è andato a Egidio Latronico (35 punti), secondo Roberto Conconi (34,77) e terzo Maurizio Caselli (34). I primi tre classificati saranno “birraio per un giorno”, ossia realizzeranno nel 2012 sull’impianto del Birrificio Baladin a Farigliano (CN) una cotta di una ricetta a propria scelta. Tale cotta verrà imbottigliata (e infustata) e rivenduta con etichetta speciale dal Birrificio Baladin con il nome del “birraio per un giorno”.

 

In fiera presentato l’avanzamento del progetto Bottiglia Birra Artigianale Italiana di Unionbirrai, con le prime 15 bottiglie di microbirrifici che hanno aderito all’iniziativa.

 

SAPORE ha ospitato l’Assemblea Ordinaria di Italgrob e nel pomeriggio, l’annuale convegno della Federazione. Per la prima volta, Italgrob ha scelto Rimini Fiera, e in particolare l’appuntamento di SAPORE, come luogo di incontro per un’assemblea ordinaria dove fare il punto dei lavori svolti e presentare le candidature del nuovo consiglio direttivo, nonché il programma del prossimo triennio. L’assemblea ordinaria è stata anche l’occasione per salutare Franco Bruno Marini, già Coordinatore Nazionale Italgrob, che ora si occuperà delle pubblicazioni della federazione. Il nuovo consiglio direttivo di Italgrob – votato all’unanimità dai soci – sarà composto da  Franco Tucci, Paola Giacchero, Michele Avena, Giuliano Fusari e Giuseppe Cuzziol, quest’ultimo riconfermato alla carica di Presidente Italgrob per un altro triennio.

 

Grande interesse per la tavola rotonda ShowFood: nuove opportunità per le aziende della notte a cura di SILB – Sindacato Italiano Locali da Ballo. Maurizio Pasca, Presidente Silb-Fipe, che ha evidenziato come nei locali della notte l’offerta non si possa più limitare al solo ballo. E ha indicato in ristorazione e intrattenimento un connubio particolarmente interessante se non addirittura vincente. Dal convegno è emerso che i locali notturni devono adeguarsi ad una concorrenza aumentata negli ultimi anni e che le discoteche devono intercettare quei consumi che oggi finiscono negli hotel (il 35% organizza aperitivi e il 37% ha un ristorante aperto al pubblico). Il 18% degli italiani consuma pasti in un locale serale almeno una volta al mese (circa 6 milioni di consumatori).

 

Anche l’olio di qualità ha avuto spazio a SAPORE 2012. Un convegno promosso da ARPO e Associazione Frantoiani Oleari dell’Emilia Romagna ha messo in risalto la tematica dell’impatto ambientale delle acque di vegetazione di frantoio, individuando nelle piattaforme per la filtrazione una soluzione alla problematica.

 

Olio protagonista anche al 6° Concorso Oli Extra Vergini di Oliva Oro Giallo 2012. Una trentina, provenienti da molte regioni italiane, i concorrenti fra le aziende presenti in fiera, valutati alla cieca da una giuria guidata Lorenzo Cerretani. Al termine, nella Sezione fruttato leggero ha vinto l’olio ‘Meridio’ dell’azienda Sole che sorge di Partinico (Palermo); nella Sezione fruttato medio l’olio ‘Monterisi Bio’ dell’Azienda Monterisi Nicola di Andria (Barletta); infine nella Sezione fruttato intenso l’olio ‘Siculum’ dell’Azienda agricola Villa Ponte di Chiaramonte Gulfi (Ragusa).

 

Curiosità per il 1° Trofeo La Pizza in Rosa, pensato esclusivamente per pizzaioli donne, in collaborazione con la rivista “Ristorazione Italiana Magazine”. Ha vinto Alessandra De Bellis della Pizzeria Zio Giglio di Lecce. Al secondo posto un ex aequo: Awa Sambe e Lara Capone della medesima pizzeria. Al terzo posto Roberta Ferrari della Pizzeria Elisir di castigliane Olona (VA)

 

Per la filiera ittica, da segnalare la tavola rotonda di Federpesca e Assoittica sul Regolamento controllo pesca. L’intervento del Comandante Giovanni di Santo, del Comando Generale del corpo delle Capitanerie di Porto, ha consentito di avere elementi di chiarezza sull’introduzione di una patente a punti per le imbarcazioni. Le sanzioni sono imputate sia sulla licenza di pesca che segue l’imbarcazione, sia al comandante della stessa. La violazione punisce entrambi e una serie di infrazioni può portare alla sospensione e addirittura alla revoca della licenza.

Molto partecipato dagli operatori il convegno Seafood made in Italy. Creare valore per uscire dalla crisi. Lo studio Chiodi Consulting ha presentato un progetto di rete d’imprese venete operanti nei settori della trasformazione e commercializzazione di prodotti ittici. E’ emersa l’utilità di disporre informazioni in merito alle tendenze dei mercati nazionali ed esteri dei prodotti ittici, soprattutto per ciò concerne la creazione di valore aggiunto sul prodotto ittico, puntando sulla valorizzazione dei prodotti ittici regionali. Di rilievo anche il convegno “Riconvertiamo la pesca in Adriatico. Una pesca responsabile” a cura di Agrilinea News e con il confronto fra pubblici amministratori.

 

Prospettive di sviluppo fra mercati all’ingrosso e mercati rionali, tracciabilità dei prodotti, sicurezza dei consumatori: sono stati i temi principali trattati nel convegno organizzato dall’ANDMI – Associazione Nazionale Direttori Mercati all’ingrosso – su “La filiera agroalimentare: un consumo consapevole attraverso una efficiente rete distributiva tradizionale”.

 

Infine, fra i progetti speciali, da ricordare Sapore Nèo dedicato alle nuove imprese nate nel settore, assistite in fiera da esperti e Pionieri del Gusto, la pagina Facebook aperta da Sapore per far incontrare gli amanti della buona cucina, che in pochi giorni ha messo insieme oltre mille aderenti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *