A “Sapore” le birre artigianali che conquistano il mondo

SAPORE RIMINI

Rimini, 19 febbraio 2011 – Si chiamano Microbirrifici, ma di “micro” non hanno certo i successi che continuano ad ottenere a livello mondiale: quelli sono proprio… macro. La sezione di SAPORE dedicata alle birre, situata nel padiglione A1, presenta una collettiva davvero unica, con una selezione dei più importanti microbirrifici presenti sul mercato.

Il Mo.Bi, movimento per la birra , come spiega Lorenzo Da Bove, responsabile culturale del gruppo, è attivo da anni per  promuovere una cultura della birra di qualità più consapevole e responsabile, a sostegno proprio dell’attività e dei successi raggiunti dai microbirrifici italiani.

In Italia ci sono oltre 352 microbirrifici sparsi su tutto il territorio – spiega da Bove – e molti di questi hanno ottenuto importanti riconoscimenti a livello mondiale e in paesi leader nella produzione della birra come Belgio e America”.

 

Ecco dunque il Made in Italy del mercato artigianale, fatto da birre che usano come ingredienti base prodotti della cultura  enogastronomia locale. E’ il caso ad esempio della famosa “Bastarda Rossa” sviluppata con l’omonima e nota varietà di castagne toscane, o di quelle prodotte utilizzando cereali del territorio come farro e kamut, quest’ultimo lavorato secondo la tradizione di una ricetta che risale addirittura agli antichi egizi.

Ma la fantasia dei birrai artigianali sembra non conoscere limiti: da qui l’utilizzo di resine importate dall’Etiopia, spezie dall’Himalaya e varietà di thè dalla Cina. Senza uscire dall’Italia, a Montegioco in provincia di Alessandria, c’è chi usa i fiori di Salvia Sclarea, coltivati appositamente dalla vicina di casa, o il pepe rosa per produrre la famosa Pink IPA, esportata già da diversi anni in Norvegia e in moltissimi paesi americani.

 

L’ultima tendenza in fatto di birre artigianali è legata al mondo del vino. Sono sempre più numerosi i birrai che utilizzano come ingredienti lieviti da vino, acini d’uva o il vino stesso, soprattutto se è famoso e rinomato. Ad esempio, il birrificio Barley di Maracalagonis in provincia di Cagliari ha vinto la classifica assoluta del Campionato Italiano birre artigianali con la BB10, esportata in America e in Belgio, che è prodotta aggiungendo la sapa –  mosto d’uva cotto – di Cannonau.

 

Sempre questa mattina si è svolto “Salto nel buio“, la prima degustazione alla cieca di birre artigianali organizzata da Mo.Bi.  Lorenzo da Bove – che è anche sommelier della birra – ha guidato una degustazione di 4 birre artigianali, invitando gli ospiti presenti in sala a coglierne l’aroma e tradurne le sensazioni provate ad ogni assaggio.

“Cosi come accade per il vino” – sostiene – anche per la birra è possibile educare il palato a ricevere i diversi sapori. Per imparare a degustare le birre e riconoscerne le caratteristiche occorre allenarsi con una selezione di birre quanto più possibile simili fra loro, utilizzando tutti i sensi”. 

 

COLPO D’OCCHIO SU SAPORE 2011

Data: 19-22 febbraio 2011; Organizzazione: Rimini Fiera SpA; Patrocini: Ministero Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini; Periodicità: annuale; Ingresso: riservato agli operatori; Orari: 9.30-18.00; Project Manager: Orietta Foschi; web: www.saporerimini.it;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *