“A tutto caffè. Imprese, commercio e diritti”

CAFFE’ RIVER

Alla luce della recente crisi dei prezzi dei prodotti alimentari a cui si è sovrapposta la crisi economico-finanziaria mondiale, ActionAid organizza il seminario “A tutto caffè. Imprese, commercio e diritti” con l’obiettivo di fare il punto sulle condizioni economico-sociali dei contadini e dei braccianti lungo la filiera del caffè e sulle risposte degli operatori del settore (profit e non profit). L’obiettivo è quello di dare un contributo a riaccendere i riflettori sulle problematiche del settore e stimolare una seria riflessione sulla tracciabilità, trasparenza ed eticità di questo prodotto.

Actionaid presenterà il rapporto “Caffè Amaro”, che denuncia le condizioni di vita e di lavoro dei contadini del Guatemala, e le azioni promosse dall’organizzazione nel contesto della campagna HungerFREE per promuovere maggiore trasparenza, tracciabilità ed eticità lungo la filiera del caffè.

“Il caffè non è solo la bevanda più bevuta al mondo, ma è anche un prodotto fondamentale per la sopravvivenza di oltre 125 milioni di persone in tutto il mondo. Dopo la crisi del caffè tra il 2001 e il 2004, e l’apparente risalita dei prezzi internazionali, l’attenzione internazionale sulle problematiche legate alla sua produzione e alla sua commercializzazione è diminuita. I problemi legati allo sfruttamento dei piccoli contadini e braccianti impiegati nel settore permangono invece più attuali che mai. Nel nostro paese il caffè è un simbolo di eccellenza nazionale, ma i dati dimostrano che imprese e consumatori sono ancora poco sensibili alle questioni etiche relative alla sua filiera. Molta strada resta ancora da fare per garantire una maggiore sostenibilità del prodotto finale”. Dichiara Marco De Ponte, segretario generale di Actionaid.

Caffè River e UCODEP prenderanno parte al seminario “A tutto caffè. Imprese, commercio e diritti” con una presentazione dedicata a Caffè Jamao.

Caffè Jamao è il risultato di un progetto mirato a promuovere migliori condizioni di vita degli agricoltori della provincia Hermanas Mirabal, nel nord della Repubblica Dominicana, attraverso la rivitalizzazione della loro produzione caffeicola. Caffè Jamao è certificato da FLO e da Suolo e Salute. La presentazione ha lo scopo di mostrare come è nata e si sia potuta sviluppare la collaborazione tra un’azienda ed una ONG, quali sono state le reciproche difficoltà, i successi e gli insuccessi, e quali lezioni si sono apprese che potranno essere utili per chi voglia affrontare simili esperienze.

Il seminario vedrà inoltre la partecipazione di imprese, associazioni ed esperti operanti nel mondo del caffè, come Fairtrade Italia, ICEA, CTM AltroMercato, nonché esponenti del mondo politico locale.

Per scaricare il programma di TerraFutura: (http://www.terrafutura.it/images/docs/sabato30.pdf).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *