“Biologico” e “trasparente” un binomio che conviene.

BIOLIFE 2010

Bolzano, 8 luglio 2010 – L’ultimo rapporto “Bio-Siegel” (www.bio-siegel.de), redatto di recente in Germania dall’Ufficio Federale per l’Agricoltura e l’Alimentazione, parla chiaro: per conquistare nuove fette di mercato non basta proporre genericamente un prodotto ecologico ma occorre farlo garantendone, con onestà e trasparenza, la provenienza. I generi alimentari ecologici sono sempre più graditi ed hanno abbandonato la veste di prodotti di nicchia visto che oramai trovano posto nelle abitudini di consumo del pubblico più consapevole e nella ristorazione più autorevole ma solo se frutto di sostenibilità, ambientale, economica e sociale. Questi infatti gli aspetti più rilevanti nella scelta di acquisto dei consumatori e la base della differenza tra il biologico industriale, tipico dei mercati internazionali, e la piccola produzione di qualità, caratteristica propria del territorio italiano e dei relativi operatori.

Questo il concetto di biologico da sempre seguito da BIOLIFE, manifestazione che dal 2004 presenta l’eccellenza regionale biologica certificata e promuove stili di vita rispondenti ai modelli di sviluppo sostenibile evidenziando il biologico in termini di protezione ambientale, sicurezza alimentare, consumo sostenibile, riscoperta di sapori e tradizioni.

Sostenuta dalle principali associazioni di produzione (Bioland, AIAB, Demeter, Bio Austria) e dagli operatori più significativi (ICEA, Coldiretti, Agribio, TIS) BIOLIFE si svolge in Trentino Alto Adige, una regione nella quale la difesa dell’ambiente riveste un ruolo di primaria importanza e dove il territorio si è, finora, salvato dall’invasione degli OGM. Con BIOLIFE gli organizzatori si prefiggono di diffondere la cultura e la filosofia della coltivazione biologica e di trasmettere un concetto di vita sana e naturale. La rassegna, che nel 2009 ha contato ca. 150 espositori e quasi 40.000 visitatori, presenta un comparto agroalimentare vario, con una presenza sempre più importante di cosmesi e tessile e si rivolge non solo al consumatore finale ma anche ad una clientela professionale di qualità, inquadrata nel gourmet (gastronomia e ristorazione, piccoli importatori esteri di delicatezze italiane) e nella ricezione turistica di alto livello. Con un programma molto interessante per l’edizione 2010, BIOLIFE è una buona opportunità per la vendita diretta al pubblico e per il contatto con nuovi partner commerciali. Dal 2009, pur mantenendo la propria precisa connotazione, BIOLIFE si svolge in contemporanea alla Fiera d’Autunno, storica manifestazione di Fiera Bolzano, che lo scorso hanno ha attirato quasi 50.000 visitatori e che quest’anno verte su tre temi: l’artigianato tradizionale sudtirolese, i prodotti di qualità dell’Alto Adige e la donna, alla quale è dedicata la manifestazione collaterale “Prodonna”, adiacente a BIOLIFE. La vicinanza di tale specifico evento sarà tra l’altro un ulteriore punto di forza per il successo del comparto cosmesi di BIOLIFE.

 

Tutte le informazioni su “BIOLIFE 2010” alla pagina www.biolife.bz

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *