Dal social network al social betting

ENADA PRIMAVERA 2011

Rimini, 17 marzo 2011 – Conoscere i giocatori, i loro comportamenti ed i loro bisogni, è l’obiettivo di tutti gli attori protagonisti del gioco online. La propensione ad utilizzare la rete per giocare e soprattutto scommettere è evidente nei numeri e la raccolta di 3,5 miliardi di euro nel 2010 (+7,8%) lo testimonia.

 

Da qui il progetto presentato oggi ad Enada, in corso a Rimini Fiera fino a sabato 19 marzo, nel corso del convegno promosso da Jea e Rimini Fiera dal titolo Nuovi giocatori: ecco come ’catturarli’. Il valore aggiunto del cliente ’chiavi in mano’.

 

All’origine dell’idea Toro Edizioni, che pubblica il bisettimanale La Scommessa Sportiva, da un anno presente anche sul web con l’omonimo sito. Dopo aver analizzato le modalità di navigazione, è nata l’idea di far nascere un ‘social betting’, ovvero una comunità formata da appassionati alla scommessa sportiva che oltre a giocare sono attratti dall’idea di essere anche protagonisti.

 

“Gli utenti amano ritrovarsi tra loro – ha spiegato il direttore del bisettimanale Donato Colucci – e condividere informazioni, opinioni”.

 

Il progetto infatti prevede una piattaforma nella quale i giocatori possono sfidarsi sulla base della loro capacità di azzeccare pronostici, in una sorta di classifica interna a singoli gruppi, attivi anche tramite chat, forum, blog, ecc.

 

E’ evidente che la comunità di giocatori appassionati alla scommessa e che frequenta il nuovo ‘social betting’ presentato a Enada, rappresenta il target ideale per coloro che gestiscono le scommesse online e da qui le varie opportunità di collaborazioni possibili.

 

A moderare la discussione Fabio Felici (Direttore Agenzia Agicos) e Xavier Jacobelli (Direttore Quotidiano.net). Tra i relatori: Gianfranco Allocca (editore de La Scommessa Sportiva), Donato Colucci (direttore responsabile de La Scommessa Sportiva); Lorenzo Caci (Sportradar Agency), Lorenzo Stoppini (responsabile gioco online Snai) e Riccardo Tamiro (titolare studio consulenza Skirmony).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *