FIPE: “Si a ristoranti esteromade in Italy”

FIPE

«Ha ragione il vice ministro allo Sviluppo economico, Urso, a ricordare che la promozione all’estero del Made in Italy passa anche per il progetto del marchio di qualità da assegnare a mille ristoranti italiani nel mondo entro l’anno e a diecimila entro i prossimi tre».

Così il presidente Fipe, Lino Enrico Stoppani, spiega e sostiene l’iniziativa lanciata di recente da Unioncamere con il coinvolgimento di alcuni Ministeri, dell’Isnart e della stessa Federazione dei pubblici esercizi.

«Il progetto di dotare di una targa i ristoratori all’estero che offrono la cucina delle nostre  tradizioni locali – prosegue Stoppani – riconoscibile come tale nasce da una richiesta degli stessi operatori. I nostri colleghi ristoratori all’estero ci hanno sollecitato a gran voce l’esigenza di potersi distinguere da altri che di italiano hanno solo l’insegna. Basti ricordare che su 100mila imprese che offrono piatti italiani all’estero non più di 20mila rispettano gli elementi basilari della nostra cucina tradizionale. Gli altri 80mila cercano di adattare al gusto della clientela estera le nostre ricette locali, mistificandole anche nell’impiego dei prodotti non italiani,  tradendo così il sapore originario di un piatto tipico e facendo quindi una promozione non veritiera dell’arte culinaria. Questi ristoratori sono equiparabili a chi commercia prodotti con marchi falsi. Per la riuscita di questo progetto è importante che tutti contribuiscano con le proprie risorse, compresi i soggetti dell’intera filiera agro-alimentare».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *