Hotel, il futuro del turismo e’ a “misura di ospite”

HOTEL 2014

Bolzano, 07 luglio 2014 – Qualità delle strutture e dei servizi, contatto umano con la clientela e una offerta in grado di coniugare cultura, storia, tradizioni e sapori con le bellezze del paesaggio. Il legame con il territorio e l’attenzione all’ospitalità sembrano avere un peso sempre più determinante per l’hotellerie contemporanea, che dovrà “ripensare” la propria offerta per rispondere alle mutate esigenze dei viaggiatori, sempre più colti, attenti e tecnologici.

Se ne parlerà nel corso della quattro giorni di Hotel, fiera internazionale dedicata al settore dell’ospitalità, organizzata da Fiera Bolzano con il patrocinio di Federalberghi e la collaborazione dell’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti dell’Alto Adige (HGV), in programma dal 20 al 23 ottobre 2014 nei padiglioni di Fiera Bolzano.

Come di consueto, il programma di questa 38° edizione sarà arricchito da un nutrito calendario di appuntamenti, workshop, eventi informativi e formativi su tematiche di interesse del settore alberghiero. Tra questi, anche il convegno dedicato al recupero e alla ristrutturazione delle strutture turistico-alberghiere esistenti, dove esperti di architettura e gestori di hotel si confronteranno sul tema del turismo inserito in un contesto armonioso con il territorio circostante.

Oggi più che mai, alberghi e strutture ricettive si trovano a dover far fronte alle richieste di viaggiatori particolarmente informati ed esigenti che interpretano la vacanza come una esperienza totalizzante. In questo contesto, la qualità dei servizi offerti diventa l’elemento di valore che può fare la differenza. Di accoglienza, servizi e strutture di qualità si parlerà nel convegno organizzato durante la quattro giorni di Hotel, dove la professoressa di architettura Ingeborg Flagge e l’architetto Gerold Schneider si soffermeranno sul futuro del turismo dell’Alto Adige.

La prima parte dell’incontro verterà sull’analisi dello stato attuale delle strutture alberghiere altoatesine dal punto di vista architettonico, con un focus sulle costruzioni, le ristrutturazioni e gli ampliamenti. Nel corso del convegno saranno analizzati inoltre i servizi e le attrattività che più incidono sulle scelte dei viaggiatori “moderni”.

Da turismo di massa a turismo individuale: per il futuro, le strutture ricettive dovranno tenere conto di questa nuova tendenza legata alle rinnovate esigenze degli ospiti, alla ricerca di una esperienza totalizzante che coniuga cultura, storia, tradizione, gastronomia e dove il valore aggiunto è il legame che si sviluppa con le persone. Di conseguenza, anche gli spazi dovranno essere ripensati in funzione della qualità e non della quantità, per far sentire l’ospite perfettamente integrato nel territorio e nelle sue tradizioni, senza rinunciare ai comfort.

Chiuderanno il convegno alcuni esempi di strutture e attività altoatesine che si sono rinnovate rispettando queste esigenze, con una riflessione sul valore aggiunto che le nuove impostazioni potranno portare agli altri territori. Tra queste l’Ottmanngut di Merano, il Park Hotel Azalea di Cavalese, l’Hotel Cevedale di Solda e la distilleria Puni di Glorenza.

L’appuntamento per approfondire queste e altre tematiche legate al mondo dell’hotellerie è dunque dal 20 al 23 ottobre a Bolzano ad Hotel, che nel 2013 ha superato il tetto delle 20mila presenze, con oltre 600 espositori e un centinaio di giornalisti accreditati.

Tutte le informazioni sulla manifestazione in tempo reale su: www.hotel.fierabolzano.it

 

 

Per maggiori informazioni

 

Cristina Pucher

Ufficio Stampa Fiera Bolzano Spa

0471-516012

pucher@fierabolzano.it

 

Elena Vincenzi e Silvia Alonzo

Ufficio stampa Hotel c/o Fruitecom srl

059-7863894

elena.vincenzi@fruitecom.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *