Inizia oggi una svolta epocale nel mercato suinicolo e nella classificazione della materia prima per

ITALPIG

 

Cremona, 1 luglio 2011 – Quella che è stata definita una “svolta epocale” è arrivata. A partire da oggi anche in Italia, con un ritardo di 24 anni rispetto agli altri paesi europei,  diventa operativo e obbligatorio il sistema comunitario di classificazione delle carcasse suine che determinerà il pagamento a peso morto degli animali.

Una rivoluzione. Così la definisce Francesco Ciani, direttore dell’Istituto Nord Est Qualità (Ineq) che insieme all’Istituto Parma Qualità (Ipq), in virtù della loro funzione, sono preposti al controllo delle procedure.

“Il nostro compito – puntualizza – sarà duplice: garanzia della corretta applicazione dei criteri di classificazione e rispetto dei range previsti dalla normativa che, va sottolineato, riguarda tutte le produzioni destinate a diventare Dop e/o Igp, prosciutti in testa. Ed è questa la grande novità: d’ora in avanti, per entrare nel novero dei prodotti di salumeria del circuito tutelato, le carcasse dovranno essere classificate”.

L’applicazione di questa norma si pone l’obiettivo di ridurre considerevolmente uno dei principali difetti delle cosce avviate alla trasformazione in prosciutti Dop, quello di una scarsa o in alcuni casi assente copertura di grasso, elemento invece fondamentale per ottenere un prodotto di qualità.

“Questo ci porterà a disporre di una maggiore uniformità delle cosce – sottolinea ancora il direttore dell’Ineq – permettendoci di effettuare una selezione che eliminerà quelle con poco grasso di copertura”.

Ciani evidenzia l’importanza del nuovo corso che sta per iniziare e mette in risalto quanto, questa fase, richieda di essere gestita al meglio per produrre quegli effetti positivi che, soprattutto per gli allevatori, potrebbero tradursi in benefici economici. “Anche se il sistema della classificazione delle carcasse non è stato pensato a livello europeo per la suinicoltura italiana bensì per quella del Nord Europa – afferma – siamo convinti che esistano per il nostro comparto straordinarie opportunità che vanno colte e per le quali stiamo lavorando da tempo”.

Ma la norma sulla classificazione delle carcasse non riguarda solamente gli allevatori. Interessa macelli, laboratori di sezionamento, prosciuttifici e salumifici. Per i primi, in particolare, è previsto che siano esclusi dall’applicazione della normativa quelli che non macellano più di 10mila maiali l’anno “i quali, d’ora in avanti – spiega ancora Ciani – dovranno trasformare in produzioni non inserite nel circuito tutelato, a meno che non intendano investire e adeguare le loro strutture. In ogni caso, i circa 50 macelli che a tutt’oggi si sono attrezzati per la classificazione, parliamo dei più rappresentativi a livello nazionale, sono ai nastri di partenza e già dalla fine dello scorso anno, in base ai dati in nostro possesso, erano in grado di classificare il 94% dei suini macellati complessivamente”.

 

Il nuovo sistema, tuttavia, non convince tutti, soprattutto per quanto riguarda gli strumenti che portano alla classificazione.

A Italpig (Cremona, 27-30 ottobre 2011) il Salone della suinicoltura italiana, dopo 4 mesi dall’entrata in vigore della norma europea sulla classificazione delle carcasse, sarà possibile trarre un primo bilancio e analizzare i pro e i contro che potranno emergere. Un’occasione in più per aiutare la suinicoltura italiana a trovare gli strumenti più idonei per uscire dal tunnel della crisi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *