Nuovo Regolamento pesca europeo: un colpo basso all’identità della nostra ristorazione

FIPE

 

Con l’entrata in vigore il 1 giugno del nuovo regolamento mediterraneo sulla pesca dettato dalla commissione  europea la nostra ristorazione sarà costretta a togliere dai menu seppie, telline, calamaretti, rossetti, bianchetti, latterini, oppure ad approvvigionarsi, almeno in parte, sui mercati esteri di un prodotto così prelibato, squilibrando ancor di più la bilancia dei pagamenti del settore.

 

“Comprendiamo bene la necessità di impedire una pesca indiscriminata e  distruttiva – dice Giancarlo Deidda, Vice Presidente di FipeConfcommercio (oltre 200.000 imprese tra ristoranti, trattorie, pizzerie a altri locali pubblici)- ma non condividiamo che non si sia fatto nulla o troppo poco, anche da parte degli stessi pescatori, per scongiurare per tempo l’applicazione secca di tali normative. Così si favorirà la pesca di frode e contemporaneamente l’importazione di alcune di tali specie ormai “irrinunciabili” in molti ristoranti. Si tratta – conclude Deidda – di un vero e proprio impoverimento della nostra grande tradizione gastronomica e di un’altra tappa verso una perdita dell’identità della nostra grande cucina di prodotto”.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *