Torraccia del Piantavigna: Un Ghemme da Tre Bicchieri

TORRACCIA DEL PIANTAVIGNA

GHEMME – Il Ghemme dell’azienda Torraccia del Piantavigna non teme confronti e si aggiudica ancora una volta i Tre Bicchieri della Guida Vini d’Italia 2015 del Gambero Rosso. Un riconoscimento ambito, che premia la qualità di un vino simbolo del territorio. Ad essere premiata è stata la produzione 2010, andando ad ampliare il già nutrito palmares di questo eccezionale vino.

Un riconoscimento che, insieme al recente Best Italian Wine Awards, dove il Ghemme 2007 è stato inserito tra i 50 migliori vini d’Italia, premia la costanza qualitativa espressa da questi vini, vera firma delle produzioni Torraccia del Piantavigna.

 

 

Il Ghemme  Torraccia del Piantavigna

Vitigno:  uvaggio storico della zona, nebbiolo (90%) e vespolina (10%).

Zona di produzione: vigneti in località Punciön, nel territorio di Ghemme.

Appezzamento: di proprietà, a conduzione diretta. Una filosofia di coltura eco-compatibile riduce al

minimo l’impiego di agenti chimici.

Composizione del terreno: argilloso a reazione acida di derivazione fluvio glaciale.

Forma di allevamento: gujot.

Resa media per ettaro: circa 55 quintali.

Vendemmia: manuale in cassette, nel corso della prima quindicina di ottobre.

Vinificazione: tradizionale con macerazione delle bucce, segue fermentazione malolattica.

Affinamento: 9 mesi in bottiglia prima della commercializzazione.

Invecchiamento: 3 anni in botti di rovere francese di medie dimensioni.

Bottiglia: ispirata a un originale del 1904

 

Caratteristiche organolettiche

Colore: rosso rubino con riflessi granata.

Profumo: fine, ricorda la viola e la liquirizia.

Sapore: asciutto, sapido, con tannini morbidi e ben strutturati, acidità tipicamente fresca.

Longevità prevista: data la particolare natura del Ghemme non si può stabilire un limite di tempo

per il consumo. Molte bottiglie,se conservate in maniera ottimale, al riparo dalla luce e a 16°C, anche dopo 20 anni dalla data di vendemmia regalano sensazioni uniche

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *