Cosa fare se i clienti non pagano il conto

NORMATIVA DI SETTORE

I ristoratori e gli albergatori si trovano spesso ad affrontare il problema di clienti che al momento di pagare il conto non vogliono o non possono pagare.

Quando il motivo del mancato pagamento è il rifiuto o l’insolvenza, cioè l’impossibilità di pagare per mancanza di soldi, c’è la possibilità per i gestori di ristoranti ed alberghi di denunciare i clienti per insolvenza fraudolenta: reato previsto dall’art. 641 c.p., che punisce con la reclusione fino ad un massimo di anni 2 ovvero in via alternativa la sola pena pecuniaria della multa fino al massimo di euro 516,00, per chi, celando il proprio stato di insolvenza contrae un’obbligazione con lo scopo e il fine di non adempierla. In pratica, i clienti scrocconi, che consumano pietanze al ristorante o dimorano in stanze d’albergo sapendo di non poter pagare il conto commettono una frode.
Tale reato non prevede né l’arresto in flagranza né il fermo e non sono applicabili le misure cautelari personali, per cui chiamate le forze dell’ordine gli agenti provvederanno all’identificazione del soggetto o dei soggetti e raccoglieranno la querela del gestore, dopo di che si svolgerà un processo penale al termine del quale, in caso di condanna, il gestore potrà procedere in sede civile alla riscossione coattiva del credito.
Tuttavia, in attesa dell’arrivo delle autorità non è possibile trattenere il cliente contro la propria volontà, in quanto ciò costituirebbe il reato di sequestro di persona, nè è possibile obbligarlo a esibire documenti idonei alla sua identificazione, in quanto trattasi di una prerogativa prevista dalla legge per i soli Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni.
Pertanto, gli albergatori, che identificano i clienti al momento in cui prendono possesso della stanza, potranno procedere contro chi non paga o recuperando il credito in sede civile, o querelando il cliente per insolvenza fraudolenta presso l’ Autorità Giudiziaria.
Per i ristoratori, purtroppo, il problema è più spinoso in quanto, nel caso in cui il cliente si allontani dal ristorante senza attendere l’arrivo delle forze dell’ordine, essi potranno solo procedere a proporre querela contro ignoti fornendo alle Autorità tutti gli elementi utili alla loro identificazione.

Differente è l’ipotesi in cui il cliente pur non rifiutandosi di pagare, non possiede denaro sufficiente a saldare il conto.
Tali ipotesi ricorrono quando il cliente si ritrova involontariamente senza contante sufficiente e non può procedere al pagamento con mezzi alternativi (bancomat, carte di credito e assegni) perchè il gestore non accetta tali mezzi di pagamento, o perchè, per problemi tecnici che possono dipendere sia dal cliente sia dal gestore ( es: pos guasto), essi non siano utilizzabili.
In tutti questi casi, stante la disponibilità del cliente a fornire i propri dati identificativi, il gestore potrà solo emettere fattura e attendere il successivo pagamento. In caso contrario, la fattura emessa costituirà una prova scritta del credito vantato che consentirà al gestore di agire giudizialmente per il recupero del credito, prima con Ricorso per decreto ingiuntivo, e successivamente con pignoramento.

                                                                                Avv. Camilla Fiore

4 pensieri riguardo “Cosa fare se i clienti non pagano il conto

  • 26 giugno 2017 in 22:20
    Permalink

    Buongiorno
    Ho fatto una prenotazione telefonica in hotel, ma all ultimo minuto ho annullato.
    Devo pagare la loro fattura di storno?

    Risposta
  • 30 agosto 2017 in 22:51
    Permalink

    Buonasera, dopo aver consumato un aperitivo, una cliente del nostro bar gelateria si è accorta di non avere il portafoglio per pagare. Visto che abita in zona e frequenta ogni tanto il locale, ha chiesto se potevamo farle credito oltre a chiederci in prestito i soldi per le sigarette, dicendo che sarebbe passata la mattina successiva per saldare il debito. Il giorno dopo l’abbiamo attesa ma non è passata. Qualche giorno dopo l’ho incontrata per strada: si ricordava del debito e ha aggiunto che sarebbe passata entro pochi minuti. Ma non si è vista. Come possiamo riavere il denaro che ci spetta? Vi ringrazio per l’attenzione.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *