F24 arrivano importanti novità

ATTUALITA’

Dal 1 ottobre 2014 tutti i pagamenti F24 di importo superiore a 1.000 euro e di importo pari a zero euro per effetto di compensazione, devono essere effettuati esclusivamente online.

 

Il governo ha recentemente rivisto il sistema di pagamento di imposte e tasse. L’art. 11 del  DL n. 66/2014  ha sancito l’obbligo dal 1 ottobre 2014, per  tutti i contribuenti per i pagamenti di F24 di importo superiore a  € 1.000,00, di utilizzare esclusivamente il canale telematico. Se finora  tale obbligo vigeva  soltanto per i titolari di partita Iva, adesso non è più così e tutte le persone fisiche per pagare i tributi devono rivolgersi ad un intermediario quale Poste, Banche ovvero un professionista abilitato.   Il modulo cartaceo quindi tende a scomparire anche per i contribuenti  persone fisiche le quali per pagare  tasse ed imposte per importi superiori a  mille euro devono utilizzare i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, e cioè Entratel e Fisconline  ovvero utilizzare  servizi di home banking.

 

 

Il modello cartaceo del F24 scompare anche per i pagamenti  con compensazione di imposte e tasse. Nel  caso in cui  si vanti un  credito di una determinata imposta, questo può essere scalato per il pagamento di un’altra imposta; in questo caso la compilazione del F24 riporterà tutti i  codici relativi  ai tributi interessati. Anche in questo  caso i non titolari di partita Iva potranno usare sia i servizi di home banking che i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate sia in caso di saldo positivo che di saldo negativo. Laddove invece la compensazione dia un risultato pari a zero in quanto il credito d’imposta è pari o superiore all’imposta da pagare bisognerà usare solo i servizi telematici dell’ Agenzia delle Entrate. 

 

Il modulo cartaceo continua ad essere un valido strumento per il pagamento dei tributi solo per importi inferiori a € 1.000,00 e senza compensazioni di tributo.  Questa novità normativa complica la vita dei contribuenti privati allontanando la tanto agognata semplificazione del sistema fiscale italiano.

 

 

 

                                                                         Dott.ssa Giovanna Napolitano

                                                                  Studio di consulenza Paolo D’Arienzo