Tre Marie, un’Accademia della Croissanterie

AZIENDE

Fare del momento della colazione un’occasione speciale per iniziare al meglio la giornata è l’obiettivo di Tre Marie, azienda leader nella produzione di croissant congelati in grado di rispondere ad ogni esigenza di coloro che consumano la propria colazione al bar.

 

Tre Marie propone alla propria clientela una gamma di croissant congelati già lievitati molto variegata, in cui la fusione tra saggezza artigianale e tecnologia d’avanguardia diventa caratteristica fondamentale del prodotto.

L’azienda dedica grande attenzione a tutte le fasi del processo produttivo e distributivo dei prodotti di croissanterie, mantenendo costanti gli elevati standard qualitativi e assicurando tutte le norme igieniche e di sicurezza, a partire dalla scelta delle materie prime per continuare con il mantenimento della catena del freddo fino alla consegna al cliente; tuttavia l’ultima fase, quella della cottura, è l’unica che l’azienda non può tenere direttamente sotto controllo ed è anche quella maggiormente critica per il risultato che può dare.

Proprio dalla consapevolezza di avere un’ottima gamma di prodotti a disposizione e dall’esigenza di tutelare la brand awareness, nel 2004 è stata creata l’Accademia della Croissanterie, iniziativa di prestigio a sostegno della marca e dei prodotti rivolta alla rete vendita ed al trade. L’Accademia consiste in una mezza giornata di formazione dedicata ai migliori clienti con l’obiettivo di trasferire le tecniche per preparare e presentare al meglio i prodotti, trasmettendo al contempo tutti i valori che la marca Tre Marie rappresenta in termini di prestigio, sicurezza e competenza.

Tutte le giornate prevedono una prima parte introduttiva con una visita virtuale allo stabilimento attraverso la proiezione di un DVD, per proseguire con la sessione più propriamente formativa nella quale lo chef che tiene i corsi fornisce i suggerimenti indispensabili affinché i prodotti siano sempre preparati in modo perfetto, offrendo anche alcune idee originali per decorarli, differenziarli e personalizzarli.

Ogni sessione prevede la partecipazione di gruppi di circa trenta persone, alle quali, al termine delle attività, viene rilasciato del materiale per il punto vendita, tra cui un’esclusiva vetrofania che indica che l’esercizio è intervenuto alla Accademia della Croissanterie, un attestato di partecipazione e un apprezzatissimo gadget.

Abbiamo posto alcune domande a Leonardo Bagnoli, Amministratore Delegato di Granmilano S.p.A.

 

Considerate la vostra offerta attuale ottimale per coprire i vari segmenti del comparto?

 

L’innovazione è sempre al centro delle strategie di Tre Marie nella definizione della gamma, pensata con l’obiettivo di rispondere alla vivacità dell’offerta richiesta dal settore.

La proposta è ampia e articolata, con oltre 50 referenze sia dolci sia salate, in grado di soddisfare le più diverse esigenze di consumo con prodotti di alta qualità per il consumatore e di facile gestione per l’esercente. Una gamma che viene costantemente ampliata ed arricchita, generalmente con una novità per stagione.

I prodotti si caratterizzano per versatilità, bontà, alta qualità degli ingredienti ed elevato livello di servizio. Pronti da cuocere o da lievitare prima della cottura, i prodotti Tre Marie si distinguono per forme originali e abbinamenti di gusto inediti. La vasta possibilità di scelta favorisce la fidelizzazione del cliente che, attratto da prodotti sempre freschi, tornerà volentieri a consumare un croissant Tre Marie.

Non solo prodotti. Ai nostri clienti diamo in dotazione anche le attrezzature più adeguate per la cottura e la conservazione delle scorte, assieme al materiale per migliorare la finitura dei prodotti e ai suggerimenti per decorare i croissant e ottimizzarne la prestazione.

Inoltre, per tutti gestori dei locali che vogliono apprendere le migliori tecniche di cottura e i trucchi per presentare al meglio i prodotti, Tre Marie organizza da diversi anni l’Accademia della Croissanterie.

 

L’Accademia della Croissanterie rappresenta ormai un punto di riferimento all’interno del settore horeca; iniziata nel 2004 festeggia il suo quinto compleanno.

 

In effetti questa iniziativa viene considerata uno dei fiori all’occhiello della nostra azienda; partita cinque anni fa ha già coinvolto più di 3600 persone in 131 sessioni, toccando ben 64 città e facendo registrare un riscontro estremamente positivo, visto che il grado di soddisfazione complessivo è stato di 4,65 su scala pentenaria e con più del 70% delle persone che dichiarano di poter trasferire le informazioni acquisite nell’attività quotidiana.

 

Di fatto l’Accademia della Croissanterie si è rivelata molto più di una attività di formazione tecnica; che ruolo ricopre all’interno delle vostre attività nei confronti del cliente?

 

In effetti il progetto è nato per rispondere ad una esigenza specifica nostra e dei nostri clienti; con il tempo però si è rivelato anche un ottimo strumento di comunicazione ed un efficace supporto alle campagne promo-pubblicitarie di valorizzazione della marca e del prodotto, un modo diverso per promuoverli, fidelizzare i nostri clienti e, ultimo ma non meno importante, stimolare le vendite.

 

Nata per i soli clienti Tre Marie, l’Accademia apre le sue porte anche a tutti coloro che vogliano migliorare la loro tecnica nella difficile arte della croissanterie?

 

Si, alla luce dei risultati ottenuti GranMilano ha deciso di dare continuità al percorso formativo proponendo una nuova iniziativa aperta a tutti coloro che siano interessati a partecipare. La nuova formula prevede una durata maggiore (un’intera giornata) ed alterna momenti di teoria ad altri di pratica con il coinvolgimento diretto dei partecipanti nelle attività di preparazione, in modo da poter testare direttamente sul campo quanto appreso. Nel 2008, a Bologna, si sono svolte le prime due sessioni; le prossime sono previste per il 21 e 22 settembre a Milano. Per informazioni ed iscrizioni è possibile visitare il sito www.accademiadellacroissanterie.it

 

L’Accademia della Croissanterie è indirizzata solamente a chi è nuovo del settore e vuole imparare le tecniche di cottura?

 

No, assolutamente; in realtà potremmo definirlo un vero e proprio master dove anche coloro che sono in questo mondo da molto tempo possono acquisire informazioni importanti per l’attività lavorativa. Occorre infatti ricordare che i prodotti vengono costantemente migliorati sia dal punto di vista organolettico che da quello tecnico, spesso proprio per agevolare i nostri clienti ed alleggerirli nel lavoro quotidiano. In questo modo però può capitare che le prassi che potevano essere efficaci fino a poco tempo fa oggi possano risultare superate e talvolta impedire di esaltare al meglio le caratteristiche del prodotto.  

Del resto ogni professione richiede un aggiornamento continuo ed è proprio quello che noi vogliamo fornire con i nostri corsi.

 

Date le caratteristiche logistiche ed il numero di sessioni e di partecipanti di cui avete parlato, l’Accademia della Croissanteriae è stata ed è un bella sfida anche dal punto di vista organizzativo. Come l’avete affrontata?

 

Innanzitutto individuando gli attori giusti. Per la parte creativa e organizzativa ci siamo affidati a Tangram, società che si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione di eventi, la parte di “cucina” è invece curata dallo chef Massimo Meloni di Foodshow, al quale è stato affidato il compito di provare i prodotti mettendosi nei panni dei nostri clienti per poi definire i contenuti delle sessioni formative.

Molto importante è stata la sinergia fra le due società che collaborano abitualmente nel contesto gastronomico e che, grazie a differenti punti di vista e competenze tecniche eterogenee, sono in grado di rispondere alle diverse esigenze delle aziende del settore, creando progetti nei quali i fattori a disposizione agiscono in sinergia valorizzandosi reciprocamente.