Un cioccolato…equo e solidale

AZIENDE

Torniamo ad occuparci di mercato equo e solidale, confermando la convinzione che rappresenti  un’importante ed efficace alternativa a quello capitalistico globale egemonizzato dalle grandi multinazionali, grazie all’iniziativa di un’altra azienda della penisola che ha intrapreso una particolare produzione legata a tale diversa modalità di commercializzazione. La merce in questione è il cioccolato e l’azienda l’Icam,  con sede sociale a Lecco, specializzata nella realizzazione di prodotti dolciari. 

                                                                                                                                

L’Icam (Industria Cioccolato Affini Morbegnese) nasce alla fine della  seconda guerra mondiale, per volontà di Silvio Agostoni che acquista una piccola industria di prodotti dolciari a Morbegno. Questo, al tempo, è un paese di poco più di 6 mila abitanti in provincia di Sondrio,  nella zona centro settentrionale della Lombardia. Il conflitto penalizza tutti, comprese le strutture industriali che non producono armi. La vita è difficile per Agostoni che, però, individua in una torta casalinga, “La Montanina”, un prodotto che sembra ottenere un lusinghiero successo di pubblico. Passati i rigori della guerra, l’azienda si sposta a Lecco dove viene in possesso di un immobile danneggiato dai bombardamenti che adatta, grazie all’installazione di macchinari specifici, alla produzione di cioccolato. Da ormai alcuni anni l’Icam ha sposato la causa dell’economia sostenibile. Era il 1975 quando la proprietà decise di effettuare una serie di viaggi nei principali paesi produttori di Africa e America Centrale per visitare le piantagioni e selezionare il cacao migliore. In questo modo si poteva controllare per intero la filiera produttiva assicurando ai partner industriali e al consumatore finale il massimo della qualità. Nasce così nel 1989 la collaborazione con la cooperativa della Repubblica Domenicana Conacado. L’isola caraibica è particolarmente adatta alla coltivazione del cacao per ragioni climatiche e territoriali, ma nel tempo si era persa la

tradizione della fermentazione delle

fave, la qual cosa aveva generato uno scadimento della qualità del prodotto finale e, di conseguenza, un deprezzamento dello stesso sul mercato. In pratica l’intervento sollecitato e concretizzato dalla azienda italiana è consistito essenzialmente nell’aiutare il ripristino del processo di fermentazione. Il miglioramento qualitativo ottenuto, dopo molti anni di collaborazione ha permesso l’inserimento del cacao Hispaniola (il cacao fermentato dominicano) nel numero della qualità “Fine or Flavour” da parte dell’I.C.C.O. (International Cocoa Organization), organismo globale composto da rappresentanti delle industrie e dei maggiori paesi di produzione,  e acquisito certificazioni biologiche. L’accesso al mercato di prodotti di alta qualità ha permesso di migliorare il rendimento economico nella vendita del raccolto. In breve tempo la repubblica Domenicana è diventato il più importante produttore di cacao da agricoltura biologica del mondo con oltre 10.000 contadini associati. Le condizioni di vita dei piccoli produttori di Conacado sono migliorate e il livello medio di scolarità dei loro figli è cresciuto. L’esperienza di collaborazione di ICAM con i produttori di cacao si è molto estesa negli ultimi 20/30 anni, molti di questi fornitori che molto spesso sono diventati veri e propri partner, hanno ottenuto certificazioni biologiche, Fairtrade e Rainforest. La certificazione Fairtrade viene concessa dal suddetto consorzio senza scopo di lucro sorto nel 1994 e costituito da organismi che agiscono nella cooperazione internazionale nella solidarietà e nel commercio equo e solidale. In questi anni, accanto ai propri prodotti con certificazione Fairtrade, ICAM ha svolto un ruolo molto importante per la diffusione del marchio Fairtrade mettendo a disposizione la propria capacità tecnologica  a molti operatori del settore che, pur avendo un marchio ben riconosciuto non hanno la possibilità o la capacità di realizzare tali prodotti, di alta qualità a prezzi competitivi. In virtù di questo, ICAM è diventata uno dei più grandi produttori e fornitori mondiali di cioccolato e semilavorati del cacao (pasta, burro e polveri) equosolidali.  

 

                                                     

                                                       Stelvio Catena