OSTERIA IL CANTUCCIO

OSTERIA IL CANTUCCIO
Elegante, intima, particolare

Ampie vetrate faccia a strada, luci gialle tendenti al soffuso, soffitto con travi in legno, specchi in cornici intarsiate, piante, lampade, quadri, di cui due di Staccioli, camino sempre accesso in inverno, costante e gradevolissimo sottofondo di sax.

Questo è quello che Gesuele Nilo, calabrese di origine ma senese d’adozione ha fatto di un’antica osteria con oltre 70 anni di storia.

Elegante, intima e particolare questi i primi tre aggettivi che vengono in mente quando si cerca di definirla. Aperta a pranzo, a cena e per l’aperitivo, tutti i giorni della settimana tranne il lunedì, 60 sedute circa clientela più o meno fissa, eccezion fatta per il periedo del Palio, per le serate di beneficenza che Gesuele Nilo è solito organizzare e per personaggi più o meno famosi che sovente si fermano da quelle parti. Tutto questo però fa solo da cornice a quella che è la colonna portante del locale, l’abilità culinaria del suo titolare. Ampia la scelta: carne, ottima la Chinina, pesce, antipasti, contorni e dolci tutti rigorosamente di produzione propria e tutti messi in bella mostra su di un tavolo al centro della seconda sala. Di buona qualità anche la carta dei vini e dei distillati, alcuni dei quali “fatti in casa”, in grado di soddisfare anche i clienti più esigenti.

Ma quello che è davvero eccezionale è il rapporto qualità-prezzo: si sta bene, si mangia e si beve ottimamente e si paga il giusto, se vi trovate da quelle parti non potete proprio fare a meno di fermarvi.