50 Top Pizza

50ToppizzaIl 30 giugno prossimo, New York ospiterà il Road to Naples 2017 di 50 Top Pizza. Dopo Roma, infatti, il tour per presentare la prima guida online sulle pizzerie d’Italia – edita da Formamentis e firmata dal giornalista enogastronomico Luciano Pignataro e da Barbara Guerra e Albert Sapere, sbarca nella Grande Mela per svelare le candidature ed i vincitori della sezione internazionale che, attraverso il contributo di cento esperti da tutto il mondo, ha visto in gara sette stili di pizza differenti, divisi in cinque continenti.
Saranno quindi sette i riconoscimenti che verranno assegnati durante l’evento newyorkese: Premio Migliore Pizzeria New York Style, Chicago Style, Oceania Style, Asia Style, Nord Europa Style, Giappone Style, Sud America Style, più il ‘Premio Innovazione e Sostenibilità’, che verrà attribuito direttamente dai curatori della guida. L’occasione giusta per approfondire l’intero progetto dedicato alle 500 migliori pizzerie d’Italia e ai premi speciali a loro riservati. Una guida che fornisce gratuitamente a tutti una classifica stilata in forma anonima da 100 ispettori sulla base della qualità, ma anche del servizio, della carta dei vini e delle birre, della ricerca, dell’arredamento.
Il 20 luglio prossimo ci sarà il gran finale che svelerà le best cinquanta pizzerie italiane di quest’anno e la Migliore Pizzeria Napoletana fuori dall’Italia. L’appuntamento è a Castel dell’Ovo di Napoli (anche in diretta streaming), ma intanto sul sito www.50toppizza.com sono online le 350 pizzerie che vanno, tutte ex aequo, dalla 151esima alla 500esima posizione e continuano ad essere pubblicate, con cadenza quotidiana, quelle dalla 150esima alla 51esima posizione.
“La pizza è uno dei prodotti che più identifica il made in Italy nel mondo – spiegano i tre curatori della guida – e certamente un must nelle tavole di tutto il mondo, che spesso rivela sorprendenti tendenze in grado di conciliare qualità e creatività. Proprio per questo abbiamo deciso di ideare una sezione internazionale all’interno di 50 Top Pizza, che dia il giusto riconoscimento ai migliori interpreti-pizzaioli dei vari continenti e sia allo stesso tempo un valido strumento per far conoscere agli appassionati gli stili diversi che fanno parte del patrimonio gastronomico globale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *