Food Coach – Gestisci il tuo tempo

LA CUCINA DI GREGORI NALON

Bene cominciamo con un ragionamento assai intrigante e interessante.

Quante volte siamo dentro la nostra cucina a creare, preparare, pulire, cuocere, abbattere, stufare, brasare, friggere, e via così per poi ricominciare ogni santo giorno a fare le stesse cose. Potrei scrivere un libro solo sulle classiche abitudini che quotidianamente abbiamo. Entriamo in cucina, accendiamo i forni, la stufa, mettiamo su le pentole di acqua per le verdure. Nel forno di solito subito l’arrosto che deve cuocere 2 orette circa per essere poi tiepido e pronto al taglio, dopo le lasagne e subito dopo le patate arrosto e così via. Questo è quello che succede solitamente in una “classica cucina”, le solite cose e le solite cotture tutti i giorni. Ma abbiamo mai pensato che al giorno d’oggi non si lavora più come 5 o 10 anni fa? Abbiamo mai provato a riorganizzare il lavoro?

“Se volete essere uno chef diverso dovete fare diversamente quello che avete fatto fino ad ora”!

Oggi non si guadagnano più i soldi comprando e vendendo, oggi si guadagna gestendo al meglio il prodotto. E quanto tempo perdiamo per tutto questo? Quante energie? Quanti soldi? Quanto tempo? Ebbene si il tempo. Molti cuochi, massaie, chef dicono che non hanno il tempo per fare nulla ma continuano a lavorare sempre con la stessa logica e nello stesso modo di ogni giorno. Cominciate a pensare di gestire diversamente la vostra cucina. Pensate che il vostro sugo di pomodoro possa essere fatto una volta alla settimana, o addirittura una volta ogni 15 giorni?

Pensate si possa fare? Certo che si!

Ragioniamo insieme, se produco ogni 2-3 giorni la mia salsa di pomodoro, quindi 4-5 volte in 15 giorni, sono costretto a salarla 5 volte, ad aggiustarla di gusto 5 volte, a controllarla 5 volte, aumenta in percentuale la possibilità di commettere qualche errore (magari perché siamo più stanchi, piuttosto che distratti o perché presi da altre cose abbiamo poco tempo a disposizione). Ma se aggiustiamo di sale una volta ogni 15 giorni ( con uno strumentino “il salimetro”), se sistemiamo il grado del PH ogni 15 giorni (con il phmetro) ed il grado zuccherino, sempre ogni 15 giorni (con il refrattometro), diventerà tutto più semplice e diminuirà la percentuale di errore. Se poi abbattimento in positivo a +4° e conserviamo in sottovuoto a +2° in cella, ecco una salsa sempre pronta da utilizzare anche per un periodo di 15 giorni… Vi siete convinti che si può fare?  E questo è solo un piccolissimo esempio su una marea di lavori che in cucina ogni giorno facciamo,  pensate a quanto risparmiereste in fase di organizzazione, di cottura, di controllo e quanto tempo libero in più avreste a disposizione per fare altro!

“Lo chef bravo è colui che riesce a produrre di più lavorando meno “

Tutto ciò non è più utopia, cominciate a pensare per esempio alle cotture delicate dove per molto tempo il forno fa ciò che la natura ci ha insegnato, calando circa il 10%, magari di notte mentre dormite, cominciate a pensare di cuocere in sottovuoto delle semplicissime patate che in pochi istanti saranno fatte al forno con una bella rosolatura, cominciate a pensare di avere la cella frigo con prodotti cotti e conservati in modo corretto e igienico e non una cella con prodotti crudi. Gestire dunque il tempo ed i flussi di lavoro vi permette di ottenere del tempo per voi stessi e per le vostre famiglie.

Vi propongo un altro esercizio molto semplice.

Prendete carta e penna e cominciate a scrivere le operazioni della vostra giornata tipo, quello che fate sistematicamente, mettendo da un lato le operazioni giornaliere e dall’altro quelle che fate ogni 2-3 giorni. Scrivete tutto, poi con calma andate a verificare le ripetizioni più costanti. Cominciate a raggruppare almeno la cottura delle carni non più ogni giorno ma ogni 3 giorni, poi ogni 4 giorni e così via fino alla produzione dell’arrosto una volta ogni 15 giorni. Raggruppate la salsa (ragù o di pomodoro) almeno una volta alla settimana, le patate cucinatele a vapore per almeno 3-4 giorni, le verdure alla griglia almeno per 3-4 giorni e così via per tutto il resto.

Mettere il tutto su carta, vi farà notare più facilmente il notevole risparmio, e il tempo libero che rimane a vostra disposizione per poter creare e perfezionare i  vostri già ottimi piatti.

Gestire il tempo e ritagliarci dei piccoli spazi non è una cosa difficile. Il tutto ovviamente se si è  supportati dalla tecnologia, piccoli investimenti che possono portare enormi benefici in fase di produzione, rigenerazione o servizio.

Cominciate a crearvi dello spazio, anche perché sono sicuro che nel precedente corso “la ruota perfetta” avevate di sicuro messo che uno dei vostri raggi deboli era proprio la famiglia, il tempo libero.

Beh… Non vi resta che sedervi, chiudere gli occhi visualizzare quanto scritto e detto fino ad ora e vedrete che da domani mattina avrete il tempo di dare un sorriso in più a vostro figlio, a vostra moglie o a chi vorrete!

 

 

Gregori nalon

THE FOOD COACH: Te lo meriti

 

 

 

 

 

“E’ NEL MOMENTO DELLE  DECISIONI CHE SI CREA IL TUO DESTINO”

Gregoris d.o.o. , Seča 198 , 6320 PORTOROŽ , ID št.za DDV/P. IVA :  SI98535358 ,  SLOVENIA

GREGORI NALON , Vicolo Sardegna 17, 30030 Fosso’ , Venezia Italia , mobile  +39 3382101187

 www.gregorichef.it                         gregori.nalon@virgilio.it                        www.facecook.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *